Titolo originale: Finding Vivian Maier
Regia: John Maloof, Charlie Siskel
Con: Vivian Maier, John Maloof, Daniel Arnaud
Anno: 2013
Durata: 83 minuti
Lingua:
Inglese (sottotitolato Italiano)
Paese: Usa
Compra DVD Organizza una Proiezione
Premi: International Documentary Association, Dublin Film Critics Circle Awards, Cinema Eye Honors Awards, Chlotrudis Awards, Central Ohio Film Critics Association

Festival: Edinburgh International Film Festival, Portland International Film Festival, Shanghai International TV Festival, Miami Film Festival, Traverse City Film Festival

Vivian Maier è misteriosa come tutte le persone comuni la cui vita non sembra destinata a finire in alcuna pagina di storia. Si sa che nasce a New York nel 1926, che nella giovinezza si divide tra la Francia e gli Stati Uniti, che il padre era andato via di casa nel 1939 e che lei, dopo aver lavorato in una fabbrica di New York, si trasferisce a Chicago e qui, per circa quarant’anni, vive facendo la babysitter. La gente la ricorda riservata, mentre andava a spasso per le strade della città con la sua Rolleiflex 6×6, facendo foto che non mostrava a nessuno. Parlando con alcune persone che l’hanno conosciuta, il giovane regista John Maloof ricostruisce il ritratto di una femminista, socialista, grande appassionata di cinema e soprattutto autodidatta. Tra i fotografi più sorprendenti del XX secolo, Vivian Maier occupa un posto d’onore, faticosamente conquistato dopo anni di anonimato, e grazie a una progressiva scoperta, lenta e entusiasmante, del suo inedito patrimonio iconografico. Volti, ombre e riflessi, scattati dalla fotografa lungo le strade dell’American Lifestyle, svelati da più di centomila negativi, finiti all’asta. Maloof li ha acquistati per quattrocento dollari. Un grande scoperta condivisa attraverso un blog e i profili social dedicati, e mostre che arriveranno anche in Italia.

Tags:  arte, bianco e nero, Charlie Siskel, foto, fotografia, John Maloof, new york, photo, rolleiflex, Vivian Maier, volti